Via Nazionale 194
00184 Roma RM 

Contatto: Antonella Veracchi email a.veracchi@palaexpo.it tel 064 89 41 225

Per persone con: 

Periodo: ottobre 2019 - maggio 2020

Attività:

DENTRO I LIBRI. Letture e laboratori presso le Case Circondariali di Roma.
Da ottobre 2019 a aprile 2020.All’interno delle biblioteche delle carceri romane i libri diventano protagonisti attraverso letture condivise e laboratori artistici a partire dalla collezione della biblioteca Scaffale d’arte e dalle mostre ospitate al Palazzo delle Esposizioni.
Il progetto comincia, in collaborazione con l’Università Roma Tre e le Biblioteche di Roma, nell’Istituto Femminile di Rebibbia e prosegue, grazie alla collaborazione con l’Associazione A Roma insieme, con i bambini e le bambine della Sezione Nido Rebibbia e casa protetta “Casa di Leda” leggendo i libri dedicati al tema del Corpo per poi ritrovare le illustrazioni originali esposte nella mostra Katy Couprie. Il Dizionario folle del corpo.
I libri protagonisti degli incontri vengono donati alle biblioteche carcerarie grazie al sostegno della Fondazione “Nicola Irti” per le opere di carità e cultura.

PARKINARTE. Visite e laboratori in collaborazione con ParkinZone onlus.
Da ottobre 2019 a maggio 2020.Ogni stagione espositiva visite con i curatori e visite interattive e multisensoriali che rispettino i modi e i tempi dei partecipanti, seguite da un laboratorio creativo in cui sperimentare tecniche, strumenti e materiali ma soprattutto condividere un momento piacevole di partecipazione attiva.

DANCE WELL. Performance inclusiva di danza a cura di Parkinzone e Laboratorio d’arte del Palazzo delle Esposizioni.
24 novembre ore 10.00 - 11.30.  Sala 4 – mostra Anatomie Sublimi, Piano 1 Palazzo delle Esposizioni.ParkinArte quest’anno inaugura in una nuova veste, ospitando nelle sale della mostra Anatomie sublimi il progetto Dance Well, nato nel 2013 a Bassano del Grappa in collaborazione con CSC il Centro per la Scena Contemporanea. Una lezione di danza aperta, inclusiva, dedicata non solo all’associazione Parkinzone Onlus ma anche alle persone non vedenti e a tutti i curiosi visitatori che hanno voglia di mettersi alla prova e vivere l’esperienza di danzare tra le opere.
Il progetto si basa sull’impatto salutare che la pratica artistica della danza, portata avanti in maniera regolare, può avere sul sistema neurologico, sulle prestazioni fisiche e sullo sviluppo delle persone con Parkinson. Capisaldi sono il contesto artistico, il gruppo misto, e la gratuità per rendere la pratica realmente accessibile.
Si danza in musei, gallerie, palazzi, giardini e parchi. Ovunque ci sia bellezza, perché di arte e bellezza si nutre questa pratica artistica, dove il contesto diventa stimolo creativo e fonte di ispirazione. Ma il progetto si nutre anche dell’arricchimento che porta con sé il gruppo misto, formato da cittadini, parkinsoniani, studenti, dance maker, richiedenti asilo, persone con ridotta mobilità e non vedenti. Il risultato è la creazione di una vera e propria comunità inclusiva, allo stesso tempo pubblico e fruitore culturale, che conferma l'importanza del binomio cultura e salute insito nella pratica.

ARTE A CONTATTO. Visite sensoriali e laboratori per vedenti e non vedenti insieme in occasione delle mostre in corso al Palazzo delle Esposizioni.
Novembre 2019 e maggio 2020.  Una visita interattiva e partecipata tra arte, scienza e cinema, alle Sublimi Anatomie, La meccanica dei mostri. Da Carlo Rambaldi a Makinarium, Jim Dine), per creare uno spazio di incontro e di dialogo attivo tra vedente e non vedente, guardare l’arte da nuovi “punti di vista” e sperimentare nuove letture dell’opera attraverso esperienze multisensoriali e tavole tattili create appositamente per l’occasione. Segue un momento pratico di laboratorio in cui sperimentare tecniche, strumenti, materiali e memorizzare le conoscenze acquisite attraverso il fare.

DIALOGHI SILENZIOSI. Visite e letture integrate bilingue (italiano e LIS) rivolte al pubblico udente e sordo insieme.
Da ottobre 2019 a maggio 2020. Si può ascoltare un libro o visitare una mostra affidando l'ascolto alle mani. Basta cambiare punto di vista e ascoltare la realtà con nuovi occhi! Scopriremo insieme quanto affascinante ed espressiva sia la lingua dei segni con i suoi gesti silenziosi e allo stesso tempo loquaci, divertendoci a imparare alcune parole in LIS sperimentando un nuovo modo di comunicare.

SPOT, 20 minuti un’opera all’ora dell’aperitivo.
Da ottobre 2019 a maggio 2020. Lettura guidata di un’opera in mostra e aperitivo con il curatore. Da quest’anno traduzione in LIS!

FUORI CENTRO. Progetti in collaborazione con i Dipartimenti di Salute Mentale delle ASL di Roma.
Da ottobre 2019 a maggio 2020. Un progetto con cadenza mensile dedicato ai giovani adulti con disagi di alcune UOC sperimentali in interventi precoci. Obiettivo primario è portare i ragazzi fuori dal centro diurno o dalla comunità e condurli in uno spazio culturale della città nei giorni soliti di apertura e con le modalità destinate a tutti i visitatori adulti. Ma anche rendere attiva la presenza dei ragazzi che afferiscono a questi servizi, creando collaborazioni ce li aiutino a calarsi nella società e sviluppare interessi e abilità relazionali. Ai primi incontri propedeutici sui libri dello Scaffale d'arte seguono le attività di visita e laboratorio alle mostre in corso fino alla collaborazione attiva al progetto L'arte a contatto che vede i ragazzi sperimentare le conoscenze acquisite, affiancando attivamente gli operatori dei servizi educativi e mettendo a disposizione del pubblico il loro know how, dando un'importante contributo allo svolgimento dell'iniziativa divenendone protagonisti. 

FUORI CLASSE. Laboratori d'arte e lezioni di italiano L2 in collaborazione con scuola di italiano per stranieri.
Il palazzo delle Esposizioni esce dai suoi confini e incontra alcune comunità straniere presenti sul territorio romano per poi ospitare negli spazi dello Scaffale d'arte un ciclo di lezioni di italiano e laboratori d'arte per gruppi di donne e uomini migranti proveniente da ogni parte del mondo. Punto di partenza di ogni incontro i libri senza parole custoditi all'interno della collezione che, affidando il racconto alla sola potenza delle immagini, abbattono le barriere linguistiche e divengono prezioso strumento di educazione e mediazione, eccellente per condividere esperienze e narrazioni, per uscire dalla dinamica della lezione passiva in cui chi sa "insegna a chi non sa", per entrare in relazione con sè e con l'altro e sperimentare una nuova forma di dialogo interculturale e inclusione sociale all'interno e all'esterno dello spazio espositivo. 
Il progetto nato nel 2017 da una collaborazione con l'Associazione Asinitas in occasione della mostra Libri senza parole. Destinazione Lampedusa, prosegue quest'anno anche con il Centro Astalli con lezioni di italiano e scelte bibliografiche sul tema del Corpo.

SCAFFALE D'ARTE. Consultazione guidata dei libri accessibili ogni martedì e giovedì (escluso festivi) ore 14.30 - 17.30.
Un progetto di acquisizioni bibliografiche e appuntamenti per rendere accessibile a chiunque e in tutti i sensi il prezioso patrimonio dello Scaffale d'arte del Palazzo delle Esposizioni.
Dai TIB - Tactile Illustrated Books - libri tattili d'artista che attraverso espedienti diversi riescono a porre sullo stesso piano vedenti e non vedenti valorizzando le differenze e le unicità di ognuno, agli albi illustrati in lingua dei segni che attraverso espedienti grafici ci invitano a riflettere su cosa sia il diverso e ci offrono uno sguardo su una comunicazione alternativa affascinante. Ma anche albi illustrati di qualità che, senza essere libri a tema, hanno come protagonisti bambine e bambini disabili. Libri, quindi, in cui anche questi bambini possono finalmente trovarsi rappresentati e che ci regalano punti di vista diversi dulla realtà. Oltre a questa tipologia di libri che abbattano le barriere fisiche e sensoriali, merita una sezione a parte nel nostro Scaffale il fondo Ibby silent book, libri senza parole che, affidando il racconto alle sole immagini, abbattono barriere linguistiche e socio-culturali. 
Tutti libri dal potenziale altissimo, che nella loro specificità risultano versatili e preziosi con i pubblici più diversi. 

Info: prenotazione a scaffaledarte@palaexpo.it

Link esterno: