GAM (Galleria d'Arte Moderna) Milano

Via Palestro 16, Milano
Tel: 0288445947
E-mail: paola.zatti@comune.milano.it
Sito: www.gam-milano.com
Referenti accessibilità: "Arte insieme" Onlus, Associazione di volontariato - info@arteinsiememilano.it cell.338 811 14 63 - 366 239 42 21
www.arteinsiememilano.it Via Carlo Tenca, 2 - Milano

Visite tattili

Nei giorni: 24 gennaio, 19 marzo, 10 aprile (classe di liceo "Scienze umane" con alunna non vedente), 23 aprile (scuola di lecco con diversi disabili visivi) evento vi edizione di arte insieme cultura e culture senza barriere.

La G.A.M è ospitata nella Villa Reale di Via Palestro, e della sua collezione fanno parte dipinti, sculture ed arredi del XIX sec.

La G.A.M propone la visita tattile di 16 sculture neoclassiche e romantiche presenti nelle sale della Villa Reale, sede della Galleria d'Arte Moderna, accompagnata da descrizione dei locali e storia della Villa, e l'esplorazione tattile di un diagramma tattile (scultura in bassorilievo) riproducente la facciata della Villa neoclassica.

Destinatari: Unione italiana ciechi di Milano, di Lombardia e altre regioni, Movimento Apostolico ciechi, Istituti dei Ciechi e singole persone non vedenti e i ipovedenti.

Relazione evento di primavera In viaggio con l'arte

L'Associazione Arte Insieme Volontari per l’arte Onlus di Milano, ha quest’anno partecipato alla manifestazione indetta dal Museo OMERO "BIENNALE ARTE INSIEME Cultura e culture senza barriere", con una visita guidata alla Galleria d’arte Moderna di Milano per un gruppo di allievi dell’ Istituto Tecnico Turistico “G. Parini” di Lecco: una classe V (21 allievi e 2 docenti) e sei allievi di età diverse con disabilità varie (cecità, ipovisus, sindrome di down, ritardi cognitivi, difficoltà di deambulazione) con 6 accompagnatori.
La visita al Museo è stata richiesta dalla Professoressa Zuffi, responsabile di un progetto sperimentale sulle autonomie , che mira ad usare le discipline scolastiche per veicolare competenze che gli alunni possano spendere nell’autonomia della vita quotidiana (es.: muoversi e orientarsi in uno spazio non conosciuto, relazionarsi in situazioni “specifiche”, gestire e rielaborare emozioni personali e di gruppo, ecc)

I ragazzi disabili sono stati guidati singolarmente (solo in un caso 1 volontaria ha accompagnato due allievi) alla visita tattile di sedici sculture, integrata con la descrizione degli ambienti e, per i vedenti, di qualche quadro. Il percorso si è snodato tra cortile antistante la villa, pianterreno, scalone d’onore, saloni del piano nobile, giardino all’inglese, proponendo una varietà di situazioni adatte al raggiungimento dei fini non solo “artistici” dell’esperienza , che i ragazzi hanno vissuto con vivo interesse ed entusiasmo, dimostrando di apprezzare il percorso preparato per loro.
La classe V è stata invece accompagnata in un percorso sul tema del “VIAGGIO”.
Illustrando alcune opere neoclassiche e romantiche presenti in Galleria si è parlato del viaggio di Ulisse e del significato che ha assunto nella nostra tradizione; del viaggio inteso come espiazione di una colpa commessa; del pellegrinaggio, del viaggio “armato” alla conquista di nuovi territori; del viaggio a scopo commerciale; del Grand Tour intrapreso per la formazione del gentiluomo del ‘700; si sono ricordati gli spostamenti pericolosi, su strade infide, del passato e si è colto l’entusiasmo per l’avvento di nuovi mezzi di trasporto, sempre suggerendo e sollecitando confronti con il presente.
Il particolare “taglio” di questo percorso che, avvicinando i giovani ad espressioni artistiche neoclassiche e romantiche, richiamava il loro principale interesse curricolare, è stato accolto con molto interesse.

Spostandosi in giardino il gruppo classe si è riunito ai compagni disabili in un momento di drammatizzazione finale presso il gruppo scultoreo dei “Sette savi” di Fausto Melotti. I ragazzi disabili, con la loro esplorazione tattile, hanno dato il segnale ai compagni per la lettura di alcune massime attribuite ai famosi saggi dell’antichità , riflettendo tutti insieme sul viaggio "statico" del saggio che, guidato dal lume della ragione, supera le barriere costituite dalle differenze esteriori.
Questo momento ha piacevolmente sorpreso tutti i giovani che vi hanno aderito gioiosamente.

L’associazione Arte Insieme di Milano ha gestito questo evento con sette volontarie: 5 per il gruppo dei disabili, 1 per il gruppo classe, 1 per coordinamento e documentazione fotografica.

La Villa Reale di Milano, sede della Galleria d’Arte Moderna, Museo da tempo sensibile alle tematiche della fruizione dell’arte da parte dei non vedenti, ha fatto da splendida cornice alla realizzazione di questo evento.

Nota dell’insegnante: Professoressa Zuffi
Referente Disabilità I.I.S.S. "G. Parini" di Lecco

"Se si è imparato ad imparare allora si è fatti per imparare." (Montessori)
Il Progetto sperimentale dei Laboratori sulle autonomie offerto agli alunni con disabilità del nostro Istituto si chiama "Fatti per Imparare"; in particolare Il Laboratorio espressivo: "Le emozioni del volto, il gesto delle mani" è stato pensato per aiutare gli alunni a potenziare la motilità fine e a riconoscere, “raccontare” le proprie emozioni attraverso la costruzione, sul modello del gioco dell’Oca,del "Gioco delle emozioni".
Il progetto, nato in collaborazione con le famiglie e i Piani di zona provinciali, per migliorare la qualità dell’offerta didattica-educativo per gli alunni con disabilità, ha fatto riscoprire a tutti – studenti con e senza disabilità, insegnanti curriculari e di sostegno, referenti e familiari - la forza e la freschezza dell’apprendimento, di quando, affrontando e superando un nuovo limite, si fa proprio il mondo che ci circonda.
In alcune situazioni quei limiti così invalicabili si sono dissolti o attenuati miracolosamente, ed hanno aperto la strada a nuove esperienze e migliorato le condizioni di vita.
Ma il miracolo dell’apprendimento, frutto di una valida crescita personale e di una progressiva acquisizione di fiducia in sé stessi, necessita di “adeguate” sinergie professionali, educative e di contesto. Ecco perché abbiamo imparato a chiedere aiuto, a cercare “professionalità” e esperienze adeguate.
E’ così che abbiamo incontrato l’Associazione Arte Insieme Onlus di Milano e provato, grazie all’esperienza di chi ci ha guidato, a “vivere” quello che a scuola avevamo imparato, in una visita guidata alla G.A.M. di Milano e alla mostra su Medardo Rosso allestita nelle sale del Museo.
L’esperienza non poteva essere che esaltante! Gli alunni con e senza disabilità sono stati protagonisti di un percorso dentro al Museo a loro misura, hanno potuto toccare con mano non solo le emozioni dell’arte, ma anche le loro competenze e le loro abilità, hanno dimostrato a se stessi che sono, siamo fatti per imparare e che imparare insieme è più bello. Grazie di cuore alle volontarie che hanno progettato e gestito l'evento.

Elena vive le sculture

le volontarie artinsieme milano

arteinsieme milano

arteinsieme milano

Link esterni: