Reperti

Attualmente i reperti archeologici non sono in esposizione.

Si tratta di più di 100 reperti originali  di diversa tipologia ed epoca, provenienti da contesti di scavo italiani (oggetti ceramici, litici, metallici dalla Preistoria all'epoca Tardo-Classica) e messi a disposizione dalla Soprintendenza Archeologica delle Marche.

Nel nuovo allestimento i reperti andranno a far parte della macro area

La scoperta: l'archeologia

Sezione dedicata ai ritrovamenti archeologici dove saranno proposti alcuni ricostruzioni a scala reale di ambienti di vita quotidiana, dalla preistoria più antica fino all'epoca romana. I visitatori potranno familiarizzare utilizzando i diversi sensi con gli strumenti, le materie prime, le tecniche di lavorazione propri di ciascuna epoca.
L'ambientazione sarà completata con riproduzioni e copie da calchi in affiancamento all'esposizione di alcuni reperti originali. I diversi paesaggi (sonori, olfattivi, visivi) prenderanno vita attraverso l'azione tattile del visitatore tramite un sensore a comando posto sulla superficie di un oggetto all'interno di ciascun contesto archeologico. L'insieme delle diverse stimolazioni sono finalizzate a creare la suggestione di un vero e proprio "salto nel tempo". Conclude il percorso dedicato alla "scoperta archeologica" l'installazione del relitto di una nave da trasporto romana con la ricostruzione dell' ambiente sottomarino, utilizzando opportuni effetti sonori, visivi e stimolazioni olfattive.