Lety#1

Dal 19 febbraio al 18 marzo 2012
Inaugurazione sabato 18 febbraio ore 18,30
Mole Vanvitelliana, Ancona

Dal 19 febbraio al 18 marzo 2012, presso la Mole Vanvitelliana di Ancona, sarà possibile visitare la mostra "Vertigine del reale", di Cristiano Berti.
L'ampia personale, che inaugura il 18 febbraio alle 18:30, comprende lavori prevalentemente realizzati con procedimenti fotografici, digitali e di stampa industriale ma anche, in alcuni casi, costituiti da oggetti consumati e dismessi usati dall'artista come feticci a cui dare nuovo senso.
A cura di Gabriele Tinti, la mostra è organizzata da Fuorizona ArteContemporanea e realizzata con il patrocinio della Regione Marche, della Provincia di Ancona e del Comune di Ancona e con il supporto di Abet Laminati Spa, Banca dell'Adriatico, Unipol Assicurazioni e NonSoloStampa.
Alla mostra collabora anche il Museo Tattile Statale Omero di Ancona, chiamato per promuovere e favorire l'accessibilità alla mostra per le persone con minorazione visiva.
A loro disposizione i non vedenti troveranno didascalie in braille e potranno esplorare le opere tattili.
Il Museo organizzerà inoltre una visita guidata pensata specificatamente alle persone con disabilità visiva.

Le opere

Elemento comune delle opere è il riferimento costante alla realtà, mai manipolata nei suoi dati di partenza, sempre riletta in una chiave capace di rivelarne le anomalie, le storie nascoste e cadute nell'oblio, le assurdità. Nei suoi viaggi di esplorazione della realtà, Berti predilige situazioni di marginalità sociale che per propria natura sono cariche di potenzialità sovversive del senso comune. Dallo sguardo ravvicinato a questi microcosmi nascosti escono opere di arte visiva senza retorica, in cui è possibile ascoltare la voce dei protagonisti senza inutili filtri ed in cui è evidente l'assenza di ogni intento ammonitore, né tantomeno moralizzatore, da parte dell'artista. Berti si propone quindi come strumento capace di riflettere e amplificare queste storie minori, portandole ai nostri occhi e alle nostre orecchie.
Via via sfilano paesaggi anonimi che si rivelano essere scenari di delitti consumati molto tempo fa, gli edifici delle ambasciate somale abbandonate al loro destino nel '91, scorci di viali torinesi che celano inattese antropologie esotiche, i volti degli attori di secondo piano del cinema italiano a cui la sorte ha riservato una fine orrenda. E poi bagagli smarriti sui treni, i calchi di arti amputati, lotti di arnesi da scasso sequestrati ai ladri e messi all'asta dall'autorità giudiziaria, la grande foresta degli alberi di natale dismessi. Infine momenti in cui la parola prende il sopravvento, come l'autoritratto acustico della giovane africana intenta a raccontare gli eventi che hanno lasciato una traccia sulla sua pelle, o il viaggio di Ferko e Martinka verso il villaggio ceco di Lety, luogo simbolo dell'Olocausto Rom.

Vertigine del Reale è l’occasione per fare il punto su di un’opera tra le più interessanti del panorama artistico contemporaneo. Per la prima volta vengono accostate tra loro opere che sono state finora esposte singolarmente e che, da questo accostamento, ricevono ulteriori chiavi di lettura e interpretazione.

Accompagna la mostra un catalogo edito dalla Umberto Allemandi & C. con un testo critico di Luigi Fassi.

Informazioni:

Orario apertura: da giovedì a domenica: 15.30 – 19.30.
Ingresso alla mostra: libero.
Dove: Ancona, Mole Vanvitelliana, Via Banchina da Chio 28.