locandina

Via ogni barriera architettonica e spazio alla multimedialità. La Pinacoteca civica "Padre Tacchi Venturi" di San Severino Marche si appresta a presentarsi nella sua rinnovata veste.
La cerimonia del taglio del nastro, che saluterà il riallestimento generale ma anche i nuovi percorsi dedicati all’arte del Barocco, è prevista per sabato 19 marzo alla presenza, fra gli altri, del direttore dei Musei Vaticani, Antonio Paolucci, fra i maggiori storici dell’arte in Italia e già ministro per i Beni Culturali e Ambientali oltre che soprintendente per il Polo Museale Fiorentino.

L'appuntamento è per le ore 16 al teatro Feronia, in piazza Del Popolo, dove Paolucci terrà una lectio magistralis. A seguire il trasferimento nella sede della Pinacoteca, in via Salimbeni 39.

"Insieme al vasto progetto di ammodernamento che ha interessato la Pinacoteca – spiega l'assessore comunale allo Sviluppo Culturale, Simona Gregori – con i fondi messi a disposizione dal Comune e con quelli comunitari erogati dal Gal Sibilla, nell’ambito del Psr Marche 2007-2013 Asse 4, abbiamo anche portato a termine opere per l'abbattimento delle barriere architettoniche al piano terra della struttura che ospita la preziosa raccolta d’arte mediante l'inserimento di rampe per superare i dislivelli esterni ed interni. Inoltre, grazie al progetto Pit della Regione Marche, del Sistema Museale della Provincia di Macerata e dell’Unione Montana di San Severino Marche, abbiamo realizzato dei percorsi e dei contenuti multimediali per arricchire la visita anche mediate utilizzo di tablet, smartphone e touch screen. Sempre in collaborazione con il Sistema Museale, e avvalendoci del supporto del Museo tattile Omero, abbiamo realizzato percorsi tattili e delle schede braille dedicati alle persone ipovedenti. Abbiamo anche allestito una sala multimediale per effettuare briefing per gruppi e scolaresche, spazio del quale la struttura museale attualmente era completamente sprovvista e nel quale è stata installata un’apparecchiatura multimediale completa. Finalmente, poi, l'intero complesso espositivo è stato dotato di un sistema di video sorveglianza a circuito chiuso con registrazione degli eventi al fine di incrementare la sicurezza del patrimonio conservato al suo interno e di un sistema wi-fi con hot spot in tutte le sale del percorso museale. Infine – aggiunge l’assessore Gregori - in tema di contenimento energetico, tutto il complesso museale è stato dotato di nuove lampade ad alta efficienza energetica che abbattono significativamente i consumi elettrici e di nuovi elementi radianti che migliorano le prestazioni dell’impianto termico".

Link esterno: